Pan ed Nadel: pane di Natale (Emilia, Modena)


La variante è il Pane di Bologna e pertanto ho evidenziato la Regione Emilia ma siccome è un pane dolce molto ben condito e il liquore sassolino (da Sassuolo in prov. di Modena) la fa da padrone (è a base di anice) ho evidenziato la città di Modena.

foto da Wikipedia: le antiche etichette del Sassolino

Tra gli altri ingredienti è presente il mosto cotto (la sapa) che è ritornata come uso anche nelle Marche. Ma di roba il Pan ed Nadel ne ingloba a josa :farina, burro, cioccolato fondente (originariamente assente), noci, mandorle dolci, semi di finocchio, uova, uva sultanina, lievito…..mi sembrano i fuochi di artificio non finiscono più!!

La ricchezza di questo variopinto pane ha un senso religioso: quello di onorare la tavola nelle festività religiose. La festa premessa della gioia, quasi voler oggi ribadire che nel mangiare c’è quell’amore di relazione che da senso al vivere.

E’ un dolce natalizio, si serve freddo e …io non sono un cuoco ma soltanto un curioso delle bellezze locali e quindi se vi tenta troverete le ricette e loro varianti. Ho letto che si conserva anche per un mese (!) senza metterlo in frigo ma basta un luogo fresco.

Dove lo si trova? nelle migliori panetterie o in qualche antica pasticceria ma…….sarebbe più gioioso farlo in …famiglia!!

About these ads

Un pensiero su “Pan ed Nadel: pane di Natale (Emilia, Modena)

  1. Ciao Stefano, ti digito dal paesello.
    Mi gusta parecchio ‘sto post e intuisci perchè ;)
    Ti stai preparando per il cenone?
    Ti ho scritto via gmail
    BUONA SERATA

I commenti sono chiusi.